BodyLine
IT Benvenuto su Bodyline Forum!

La registrazione non è necessaria per leggere i messaggi del forum. Però, qualora si vorrà inserire un proprio messaggio o rispondere ad altri, ci si dovrà registrare.
------------------------------------------------------------------------

EN Welcome to Bodyline Forum!

Registration is not necessary to read the posts on the forum. However, if you'll want to enter your own message or reply to others, you must register.

Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti
» Jet privato si schianta sopra una casa a Akron, in Ohio
Mer Nov 11, 2015 10:59 pm Da Luca

» Powerlifting Motivation 2015
Lun Ago 31, 2015 10:52 am Da Luca

» Phil Heath Back Workout - Journey to Olympia 2015
Dom Giu 21, 2015 3:55 pm Da Luca

» Jay Cutler Legs Workout
Dom Giu 21, 2015 11:42 am Da Luca

» Arnold Schwarzenegger - Olympia Bodybuilding motivation 2015
Dom Giu 21, 2015 11:31 am Da Luca

» Dancing Bodybuilder Tricky Jackson
Dom Giu 14, 2015 6:09 pm Da Luca

» Roger, il canguro body Builder
Dom Giu 14, 2015 4:17 pm Da Luca

» Ciclista - 23 anni muore travolto da un'auto
Dom Giu 14, 2015 4:03 pm Da Luca

» Carolina Kostner e Alex Schwazer
Dom Giu 14, 2015 3:59 pm Da Luca

» La Francia chiude le frontiere
Dom Giu 14, 2015 3:55 pm Da Luca

I postatori più attivi del mese

LINK PARTNERS AFFILIATI
Sostienici con un Click!

Morire di insonnia è possibile

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Morire di insonnia è possibile

Messaggio Da Luca il Dom Apr 19, 2015 6:15 pm

D’insonnia si può morire, e non è certo una delle fini migliori che si possano fare. Nel mondo i casi osservati sono 200, tra cui 5 in Italia. A uccidere non è, tuttavia, una tipica (e reversibile) insonnia, ma un’insonnia familiare, rarissima malattia mortale.

Si tratta di una patologia degenerativa del cervello, che si manifesta una volta superati i 50 anni e ha origine nei geni. Appartiene al gruppo delle encefalopatie spongiformi, e consiste nel fatto che, a causa di alterazioni nelle proteine cosiddette prioniche, si registrano degli accumuli a livello cerebrale; il talamo, la zona del cervello che regola il ciclo sonno-veglia, entra così in tilt. La sintomatologia è da brividi: sudorazione continua, tremore, decadimento cognitivo, insonnia totale e cronica, disturbi del comportamento. Infine giunge la morte, in un arco di tempo che va dai 6 mesi a i 2 anni.

Se si riuscirà a curare questa terribile malattia, tuttavia, sarà probabilmente grazie ai meriti di un medico trevigiano, Ignazio Roiter, che nel 1984 ne ha individuato la causa. È stato proprio Roiter, infatti, osservando la malattia in alcuni suoi parenti, a ricostruire il tipo di ereditarietà e a individuare la responsabilità nel talamo. Sulle sue tracce, oggi, i ricercatori dell’Istituto Mario Negri di Milano hanno messo a punto un modello animale, che consentirà di studiare in maniera più approfondita questa malattia.

Per una cura si dovrà ancora attendere, anche se, da quanto emerge in alcuni studi, un antibiotico conosciuto col nome di doxociclina potrebbe avere un ruolo preventivo e inibire lo sviluppo di questa malattia.




_________________
No Pain No Gain Indiavolato
avatar
Luca
CEO - Fondatore Bodyline
CEO - Fondatore Bodyline

Messaggi : 280
Crediti : 2259
Reputazione : 8
Data d'iscrizione : 29.01.15
Età : 21
Località : Calabria

Visualizza il profilo dell'utente http://bodyline.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto


Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum