BodyLine
IT Benvenuto su Bodyline Forum!

La registrazione non è necessaria per leggere i messaggi del forum. Però, qualora si vorrà inserire un proprio messaggio o rispondere ad altri, ci si dovrà registrare.
------------------------------------------------------------------------

EN Welcome to Bodyline Forum!

Registration is not necessary to read the posts on the forum. However, if you'll want to enter your own message or reply to others, you must register.

Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti
» Jet privato si schianta sopra una casa a Akron, in Ohio
Mer Nov 11, 2015 10:59 pm Da Luca

» Powerlifting Motivation 2015
Lun Ago 31, 2015 10:52 am Da Luca

» Phil Heath Back Workout - Journey to Olympia 2015
Dom Giu 21, 2015 3:55 pm Da Luca

» Jay Cutler Legs Workout
Dom Giu 21, 2015 11:42 am Da Luca

» Arnold Schwarzenegger - Olympia Bodybuilding motivation 2015
Dom Giu 21, 2015 11:31 am Da Luca

» Dancing Bodybuilder Tricky Jackson
Dom Giu 14, 2015 6:09 pm Da Luca

» Roger, il canguro body Builder
Dom Giu 14, 2015 4:17 pm Da Luca

» Ciclista - 23 anni muore travolto da un'auto
Dom Giu 14, 2015 4:03 pm Da Luca

» Carolina Kostner e Alex Schwazer
Dom Giu 14, 2015 3:59 pm Da Luca

» La Francia chiude le frontiere
Dom Giu 14, 2015 3:55 pm Da Luca

I postatori più attivi del mese

LINK PARTNERS AFFILIATI
Sostienici con un Click!

Facebook - Nuove Regole Appllicate

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Facebook - Nuove Regole Appllicate

Messaggio Da Luca il Mer Mar 18, 2015 9:25 pm

In pochi anni i social media hanno preso uno specifico e importante ruolo a fianco degli altri mezzi di comunicazione, divenendo tra le principali fonti di notizie sul web, nonché un vero e proprio mezzo di propaganda per idee, iniziative, posizioni.
Anche per questo si è discusso molto, negli ultimi tempi, dei controlli sui contenuti social, spesso ritenuti insufficienti e vaghi, tanto offrire spazi — e vere e proprie praterie — al terrorismo, all’odio razziale, alla violenza e spesso anche localizzati al di là delle leggi nazionali, che di volta in volta possono ritenere o meno la diffusione di determinati contenuti un reato.

Sulla questione giunge ora anche Facebook, che rinnova le linee guida in base alle quali i contenuti pubblicati sul social di Zuckerberg vengono ritenuti o meno passibili di essere rimossi. Secondo Facebook, che spesso è stato in passato preso di mira dagli utenti per non sfoderare un pugno duro su questo tipo di contenuti, si tratta di un intervento volto a legiferare alcuni aspetti, senza tuttavia modificare l’approccio sinora utilizzato; ma è evidente che le revisioni avranno un influsso anche sul nostro modo di utilizzare il social più diffuso al mondo.
Il primo punto riguarda il tema attualissimo del terrorismo. Facebook sottolinea, per bcca di Monilka Bicket, responsabile delle politche dei contenuti, che non solo non permette la presenza di “organizzazioni terroristiche e i loro membri nella nostra comunità, ma non consente neppure di elogiare o sostenere gruppi terroristici o i loro atti o leader”.  Presa di posizione forte anche per i contenuti, anche non terroristici, che fomentino l’odio verso qualcuno sulla base di un’appartenenza razziale, religiosa, di genere. Tuttavia, qui, Facebook si tiene la possibilità di una valutazione delle intenzioni di chi diffonde il contenuto, tutelando da una parte la satira, dall’altra l’informazione.



Un altro tema molto spinoso riguarda le foto di nudo, che hanno già in passato alimentato diverse polemiche a partire da singoli casi di utenti che hanno pubblicato foto senza veli o addirittura foto dell’allattamento o opere d’arte. A questo proposito il social di Mark Zuckerberg specifica che verranno rimosse “foto di persone che mostrino i genitali o che espongano interamente i glutei”, con una limitazione anche per le “immagini del seno se includono il capezzolo”, tutelando tuttavia le foto di donne in allattamento o di quelle che mostrino i segni di una mastectomia. Salve anche le opere d’arte: i nudi artistici non dovranno velarsi per prendere un like.
L’impegno di Facebook è poi anche — come recentemente fatto da Twitter e Reddit — sul versante delle cosiddette *Censura*-vendette, la pratica messa in atto da chi per vendicarsi dell’ex-partner, pubblica sue foto intime, e su quello del cyber-bullismo: le immagini photoshoppate al fine di schernire qualcuno saranno vietate, così come i video che mostrano atti di bullismo.

_________________
No Pain No Gain Indiavolato
avatar
Luca
CEO - Fondatore Bodyline
CEO - Fondatore Bodyline

Messaggi : 280
Crediti : 2381
Reputazione : 8
Data d'iscrizione : 29.01.15
Età : 21
Località : Calabria

Visualizza il profilo http://bodyline.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto


Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum